-50%

Last Minute 1 OFFERTA SPECIALE -50%. Per soggiorni dal 19/08/2019 al 25/08/2019 prenotati entro il 31/08/2019 sconto del 50,00% sul soggiorno.

Vacanze a Santa Teresa Gallura: la storia

Il territorio di Santa Teresa Gallura risulta abitato fin dal 4000 a.C. tra i siti visitabili nei pressi di Santa Teresa Gallura che testimoniano la cultura nuragica, in località “Santa Reparata”, troviamo il villaggio nuragico di Lu Brandali.

 

L’insediamento nuragico di Lu Brandali si sviluppa tra una piccola altura granitica ed una piana sottostante ed è formato da un nuraghe con antemurale turrito, un villaggio di capanne, alcuni ripari sotto roccia, una tomba di giganti e diverse tombe in tafone.

 

Durante il dominio romano i due centri abitati più importanti di cui si ha testimonianza erano Longonis e Tibula. I Romani utilizzavano la zona per il granito che poi veniva imbarcato e destinato alla costruzione di monumenti e di ville nobiliari della Roma antica.

Longosardo, fondato dai Pisani mentre la repubblica era in guerra con Genova divenne ben presto uno dei porti più importanti della Sardegna, da cui era permesso imbarcare o sbarcare merci.

 

La guerra tra Genovesi e Pisani rese l’area spopolata: un rifugio di banditi e pirati per i successivi due secoli, che portò alla nascita di Santa Teresa Gallura, creata anche per creare un avamposto di controllo del Regno Sabaudo stanco dei continui abigeati.

Santa Teresa Gallura fu fondata nel 1808 proprio a causa dell’intensificarsi del contrabbando per cercare di creare un avamposto per contrastare il contrabbando tra la Corsica ed i pastori sardi.

La piccola Torino, come venne soprannominata è diventata una delle località turistiche del Nord Sardegna apprezzata per le spiagge, la gastronomia, gli scenari incontaminati, Capo Testa, la Valle della Luna e le spiagge attorno.